CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Il MIUR sulle trattenute ENAM: le prevede la legge

18.05.2012 10:12

Con una nota della dott. Palumbo, direttore generale per gli ordinamenti e l’autonomia, il MIUR interviene sulla controversa questione delle trattenute ex ENAM, affermando che le stesse trovano fondamento in una norma di legge mai abrogata: non hanno fondamento, pertanto, le istanze di sospensione pervenute in vario modo all’Amministrazione.

La nota, inoltre, ricorda che le funzioni a suo tempo svolte dall’ENAM sono state affidate all’INPDAP e ora all’INPS, accennando anche al processo avviato dall’INPS per ottimizzare i livelli di efficacia delle prestazioni e facilitarne l’accesso agli aventi diritto.

Fin qui il MIUR, che pur nella formale asetticità della nota riporta tuttavia la questione nei termini in cui la categoria ha interesse a discuterla e valutarla: hanno senso e utilità le prestazioni che l’ENAM, per anni, ha erogato sotto varie forme (contributi, credito, borse di studio, ospitalità per soggiorni climatici, ecc.)? Può essere il solo cambio del soggetto che le gestisce a motivare la richiesta di abolirle, e con esse la trattenuta che le alimenta?

Questo il nodo vero da affrontare e risolvere, e la Cisl Scuola lo ha affermato con chiarezza in una propria nota, in cui chiedeva peraltro di aprire un confronto urgente sullo stato delle attività ex ENAM. Una prima parziale risposta è venuta dalla Direzione Generale che, in ambito INPDAP (ora INPS), ha rilevato la gestione dei servizi, attraverso la pubblicazione di un sommario resoconto.

Dati che meritano sicuramente di essere conosciuti, approfonditi e discussi, perché solo in questo modo è possibile trarre conclusioni e decisioni ragionate, senza limitarsi a raccattare consensi a buon mercato con raccolte di firme che servono solo a fare pubblicità a chi le promuove: uno sport che per ragioni di serietà e coerenza non abbiamo mai voluto praticare.

Per la Cisl Scuola vale quanto scritto nella propria nota sopra richiamata: “In base agli esiti del confronto valuteremo, a ragion veduta, se sussistano le condizioni che possono rendere giusto e accettabile il mantenimento della trattenuta ENAM”. Diversamente, l’unica via percorribile e sensata diventerebbe quella di chiedere che si intervenga in via legislativa, come è indispensabile, per la sua cancellazione.