Stampa

Home

IN PRIMO PIANO

  • Una sentenza che valorizza il ruolo della contrattazione

    Con la sentenza 178/2015, di cu sono state rese note ieri le motivazioni, la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il reiterato blocco dei contratti pubblici. Sui contenuti e sul significato della sentenza, che "travalica la sola dimensione retributiva della contrattazione", proponiamo una prima nota di commento redatta per noi da Carmine Russo, docente di Diritto del...

  • Furlan: scuola, la partita continua e la Cisl è in campo

    "La partita sulla scuola non è finita con l'approvazione della legge, la Cisl resta in campo, insieme alla Cisl Scuola, per continuare a giocarla e a vincerla". Questo il messaggio che Annamaria Furlan consegna al Consiglio Generale Cisl Scuola nel suo intervento, che affronta anche i temi della riforma contrattuale su cui la Cisl ha presentato ieri la sua proposta. Estendere...

  • Aperti dalla relazione di Scrima i lavori del Consiglio Generale

    Parte naturalmente dalle vicende che hanno portato all'approvazione della legge 107, alle valutazioni che restano profondamente negative e alle iniziative che il sindacato dovrà ancora assumere la relazione con cui Francesco Scrima ha aperto i lavori del Consiglio Generale nazionale della Cisl Scuola, in corso a Tivoli.Presenti ai lavori anche la segretaria generale della Cisl,...

  • In Gazzetta Ufficiale la legge, è la numero 107 del 13 luglio 2015

    Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di riforma della scuola approvata in via definitiva dalla Camera il 9 luglio scorso. E' la legge 13 luglio 2015, n. 107. Come stabilito nell'ultimo comma, la legge entra in vigore il giorno successivo a quello di pubblicazione in G.U., quindi a partire dal 16 luglio 2015.Di seguito, una dichiarazione rilasciata dal segretario generale della Cisl...

  • Scrima: una brutta legge, una pessima giornata per la scuola

    È una brutta legge quella approvata oggi dal Parlamento, che non risolve ma aumenta i problemi della scuola, ridotta ancora una volta a pretesto per giochi politici fini a se stessi. Il nostro giudizio è pesante sia per i contenuti del provvedimento, sia per il modo in cui è stato gestito il percorso che ha condotto alla sua approvazione. Il governo si assume la grave responsabilità del...

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
segnalandoci la tua e-mail

IN EVIDENZA

ISCRIVITI