CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Posizioni economiche ATA, il confronto riprende il 2 febbraio

29.01.2015 18:09

La riunione svoltasi al MIUR nella giornata del 28 gennaio si è chiusa con l'impegno ad una successiva riconvocazione già fissata per lunedì 2 febbraio. Per quella data l'Amministrazione dovrebbe darci riscontro, finalmente, sul ripristino da parte di NOIPA del compenso per le posizioni economiche; il loro pagamento, terminata a dicembre 2014 la fase di blocco disposta col D.L. 78/2010, deve infatti riprendere a partire dal mesi di gennaio 2015.
Si tratta di tutte le posizioni riconosciute giuridicamente negli anni 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014 per le quali il compenso fino ad agosto 2014 è stato garantito dall' accordo all'ARAN del 7 agosto 2014.
Restano, come è noto, circa 5.000 unità di personale ATA che, pur avendo diritto al compenso una tantum come previsto dall'Accordo, non lo hanno percepito perchè il loro nominativo non era stato segnalato a NOIPA .
Il MIUR, anzichè richiedere agli Uffici provinciali - come da noi proposto - la trasmissione dei nominativi degli interessati, ha effettuato una rilevazione della sola consistenza delle posizioni, dalla quale avrebbe dedotto una quantità di aventi titolo superiore al previsto.
Ritenendo inaccettabile questa procedura e le conclusioni che l'Amministrazione vorrebbe trarne, abbiamo richiesto formalmente l'accesso agli atti relativi al monitoraggio effettuato.
In data 22 gennaio, intanto, il Miur ha provveduto a richiedere agli Uffici Scolastici Regionali, con una nota del direttore generale del personale, la trasmissione dei decreti di attribuzione delle posizioni economiche adottati in favore dei soggetti riconosciuti destinatari delle stesse ai fini giuridici nel triennio 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014 e ai quali, dalla data di decorrenza giuridica, non è stato liquidato mensilmente il beneficio economico né, conseguentemente, l’emolumento una-tantum compensativo del recupero.
Di tale documentazione prenderemo visione non appena sarà pervenuta al Miur, ferma restando la nostra determinazione ad ottenere il pieno riconoscimento dei benefici spettanti agli interessati, nel rigoroso rispetto degli accordi contrattuali vigenti.

Files:
NOTA_A_USR_22-1-2015.pdf147 K