PRECARI

I problemi del personale precario sono da sempre al centro dell’attenzione per la CISL Scuola, che a ogni livello e in modo particolare attraverso le sue strutture territoriali dedica loro grande attenzione e forte impegno, assicurando in modo assiduo e costante ogni necessario intervento di assistenza e tutela sindacale.
In termini più generali, il contrasto alla precarietà del lavoro e la richiesta di una sua piena stabilizzazione sono per la Cisl Scuola obiettivi prioritari, insieme a quello di garantire a chi lavora precariamente il massimo della tutela sul piano legislativo e contrattuale.

Notizie

Nuovo protocollo condiviso su salute e sicurezza in vista della fase 2. Si avvii presto il confronto anche per la scuola

25.04.2020 09:41

Definito fra Governo e parti sociali, in data 24 aprile 2020, un nuovo protocollo nazionale sulla sicurezza e salute per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid -19, che dovrà essere applicato in tutti i luoghi di lavoro per garantire la ripartenza in...

"Priorità per la scuola in vista della ripartenza". La CISL Scuola sollecita confronto per gestire il ritorno in sicurezza alle attività in presenza

19.04.2020 10:15

Se è vero che il passaggio alla "fase 2" dell’emergenza va adeguatamente preparato e governato, attraverso la definizione di regole che garantiscano una ripresa delle attività in un quadro di necessarie garanzie e tutele per la collettività, ciò è ancor più vero per un...

No a fughe in avanti e protagonismi, per CGIL CISL e UIL il passaggio alla fase 2 esige unità e forte coordinamento nazionale

17.04.2020 09:37

È fondamentale mantenere un forte presidio e una regia nazionale sul tema della sicurezza e della tutela della salute. Questa è la posizione assunta dalle Confederazioni, che sulle modalità con cui avviare la ripresa delle attività produttive, economiche e sociali hanno chiesto...

"Un Paese che ponga a fondamento della sua azione la coesione sociale". Lettera dei segretari generali CGIL, CISL, UIL

12.04.2020 18:13

«Vogliamo un Paese che sappia ridisegnare l’economia basandosi, a cominciare dagli investimenti nel Mezzogiorno, sulla sostenibilità ambientale, sulle produzioni eco compatibili, sul riassetto del territorio, sull’innovazione, la scuola, la formazione, la ricerca e la...