CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Scatti e posizioni economiche: al via le procedure per il pagamento

21.08.2014 17:51

Il servizio Noi PA del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha diramato alla Ragionerie Territoriali dello Stato il messaggio n. 107 del 20.8.2014 con il quale si comunica l'avvio delle procedure riguardanti il personale della scuola interessato sia al pagamento conseguente al recupero dell’utilità dell’anno 2012 al fine della maturazione degli "scatti di anzianità" sia all’attribuzione economica della cosiddetta “una tantum” a carattere stipendiale al personale ATA già destinatario dell’attribuzione giuridica della posizione economica a decorrere dal 1°.9.2011 (limitatamente al periodo che inizia da tale data e termina il 31.8.2014).

Relativamente agli "scatti di anzianità", gli adeguamenti degli importi di stipendio avverranno sulla rata di ottobre 2014 mentre la corresponsione degli arretrati sarà effettuata - tramite “emissione speciale” - entro la fine del prossimo mese di settembre.

Per quel che riguarda le “posizioni economiche” del personale ATA, la Segreteria Nazionale ha predisposto uno specifico prospetto nel quale sono evidenziate le cifre “lordo dipendente” che saranno percepite dal personale interessato.

E’ opportuno precisare che nell'“emissione speciale” indicata nel messaggio di Noi PA non saranno probabilmente soddisfatte tutte le casistiche del complesso “panorama” concernente le “posizioni economiche”.

Sicuramente quanti si sono visti interrompere l'erogazione della “posizione” a febbraio 2014 (ad eccezione, forse, di coloro che hanno modificato nel corso del periodo lo status giuridico, es.: art. 59 CCNL, quiescenza, sostituzione del Dsga) riceveranno a settembre quanto dovuto in relazione al CCNL sottoscritto lo scorso 7 agosto.

Per coloro, invece, che non percepivano il beneficio (in quanto destinatari solo giuridicamente della “posizione”), la data di settembre potrebbe essere troppo ravvicinata per il pagamento dell'“una tantum” in quanto la comunicazione da parte dell'amministrazione centrale e/o periferica a Noi PA potrebbe richiedere tempi più lunghi.

La Cisl Scuola ha sollecitato il MIUR ad attivarsi con i propri uffici territoriali affinché gli stessi individuino eventuali intestatari delle “posizioni” del triennio 2011-2014 per i quali non è stata inviata a tutt’oggi a Noi PA la relativa comunicazione per l'attribuzione del beneficio economico in questione (e provvedano, di conseguenza, con ogni possibile celerità).