CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

La Politica della ricerca dell’Ue

31.03.2017 23:52
Categoria: Agenda 2016/17

L’AGENDA 2016-2017: UN NUOVO MODO DI FARE APPROFONDIMENTO

Per approfondire la conoscenza della Politica della ricerca dell’Ue si consiglia di attivare i seguenti link.
Il primo è quello della pagina web dell’Ue dedicata alla Politica della ricerca (e innovazione), che comincia con gli obiettivi quantitativi di questa importante politica comunitaria. Si passa poi ad illustrare gli aspetti essenziali dell’attuale programma quadro (Orizzonte 2020) che durerà fino al 2020. In particolare si richiamano le finalità e gli stanziamenti previsti per conseguirle. Si procede poi a spiegare il ruolo di alcune agenzie comunitarie impegnate nel settore della ricerca e dell’innovazione. Si continua con i link che permettono di visitare i siti delle istituzioni comunitarie che si occupano di politica della ricerca (sezione Istituzioni e Organi dell’Ue), così come di visualizzare la normativa dell’Ue in materia di ricerca e innovazione (sezione Legislazione). Inoltre si possono visitare le sezioni dedicate alle Possibilità di finanziamento e alle Pubblicazioni, che possono risultare utili per comprendere meglio il funzionamento della politica della ricerca dell’Ue e di sfruttarne le opportunità.
Il secondo link permette di scaricare la pubblicazione ufficiale dell’Ue sulla Politica della ricerca. Si tratta di una lettura molto interessante, in quanto illustra le ragioni di una politica della ricerca comunitaria, le modalità con le quali l’Ue sostiene la ricerca e l’innovazione, le prospettive di questa politica.
Il terzo link consente di entrare direttamente nel sito della Direzione generale (DG) Ricerca e Innovazione della Commissione europea, che è l’organo esecutivo dell’Ue, paragonabile, per compiti e responsabilità, ad un Ministero della Ricerca. La parte più importante di questo sito, solo in inglese, è quella che si ottiene cliccando su “funding calls”, perché permette di entrare nel portale del partecipante, dal quale si visualizzano i bandi di gara per i finanziamenti della ricerca e, una volta registrati, presentare la propria proposta. Altrettanto importanti sono le pagine web per le borse di studio dei ricercatori e le gare per giovani scienziati, che si aprono cliccando, rispettivamente, su “Eu research fellowship programme” e “Eu contest for young scientists”.
Un quarto sito meritevole di visita è quello del programma Horizon 2020, che è il contesto in cui si inseriscono tutte le iniziative dell’Ue in materia di ricerca e innovazione. Questo sito, tutto in inglese, permette, oltre ad accedere alle informazioni per partecipare ai bandi di gara per il finanziamento di ricerche, anche di visualizzare molti casi di progetti di ricerca di successo. Per fare questo occorre selezionare la voce “projects”. Nella nuova pagina appare una lista di settori di ricerca, ed una volta scelto quello di interesse, compare una lista di progetti, dei quali si riportano obiettivi e soggetti attuatori.  

a cura di Massimiliano Di Pace