CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Esami di Stato, seconda prova scritta: il nuovo regolamento

28.11.2014 19:03

Al termine dell'anno scolastico in corso sosterranno l'esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione studenti che frequentano i percorsi scolastici modificati o di nuova introduzione a seguito del riordino disposto con i dd.PP.RR. 87, 88 e 89 del 2010. In proposito il MIUR ha deciso di predisporre uno schema di regolamento volto a disciplinare i modi di svolgimento dell'esame di Stato, con particolare riferimento allo svolgimento della seconda prova scritta.

Il provvedimento è ora all'esame del Consiglio di Stato per l'espressione del prescritto parere, ma in considerazione dell'interesse degli organi collegiali e dei candidati di conoscere sollecitamente le nuove modalità di svolgimento di detta prova il MIUR ha ritenuto opportuno anticiparne i principali contenuti con la nota 7354 del 26.11.2014.

Lo schema di regolamento - considerato che la seconda prova scritta ha per oggetto una delle discipline caratterizzanti il corso di studio scelta annualmente dal Ministero - individua ed esplicita quali sono le materie in questione, elencandole in apposite tabelle i cui contenuti sono stati anticipati negli allegati alla nota 7354. In tal modo le istituzioni scolastiche saranno in grado di porre una particolare attenzione alle discipline caratterizzanti, disponendo nel corso dell'ultimo anno specifiche verifiche scritte sui loro contenuti.

Lo schema di regolamento indica anche le diverse tipologie e modalità con le quali si svolgerà la seconda prova scritta, individuate sulla base degli elementi innovativi introdotti con le “Indicazioni nazionali” per i licei e con le “Linee guida” per gli istituti tecnici e professionali.

Il MIUR avvierà comunque attività di informazione e formazione - organizzate in collaborazione con gli Uffici Scolastici Regionali, ai quali sono state già attribuite apposite risorse - sulle nuove modalità di svolgimento dell'esame di Stato dirette verso i dirigenti scolastici e i docenti.