CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

La grande Guerra - Gennaio 1915

29.12.2014 11:53
Categoria: Agenda 2014/15

I volontari italiani combattono a fianco delle truppe francesi nelle Argonne. Numerosi sono i caduti tra i quali Bruno e Costante Garibaldi, nipoti di Giuseppe. Uno spaventoso terremoto miete oltre 30.000 vittime nel Lazio, in Abruzzo ed in Campania. Inizia la tragica impresa nei Dardanelli. Il Vaticano si prodiga per la liberazione dei prigionieri inabili. Mons. Pacelli è inviato a Vienna con lo scopo di convincere il vecchio imperatore a fare concessioni a favore dell’Italia. La Russia è sempre più nelle mani di Rasputin e delle sua numerosa cricca. Lo splendido isolamento dell’Inghilterra è finito: uno Zeppelin bombarda la costa di Norfolk. Il 30 gennaio a Vienna si ricorda il tragico destino di Rodolfo d’Asburgo e di Mary Vetsera. L’unico figlio maschio di Francesco Giuseppe e della mitica Sissi ha ucciso la sua amante e si è tolto la vita 26 anni prima a Mayerling. Non tutti credono al suicidio, si fa strada la tesi dell’omicidio politico. Per alcuni storici i tragici eventi che porteranno alla guerra mondiale ebbero inizio a Mayerling. 

Files:
gennaio1915.pdf167 K