CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Flat tax, una mossa senza senso

11.03.2017 19:52

"Siamo diventati ... il Paese con la flat tax, una tassa forfettaria di 100mila euro sui redditi maturati all’estero per tutti i ricchi, oggi residenti in altri Paesi, che volessero spostare la propria residenza in Italia. Da oggi siamo dunque in concorrenza con una platea agguerrita di paradisi fiscali dove non si pagano o quasi imposte sui redditi" (Leonardo Becchetti, Avvenire, 10 marzo 2017)

Eravamo (siamo ancora?) un Paese in prima fila contro l’elusione fiscale, impegnato a battersi a livello europeo per un’armonizzazione delle aliquote almeno tra gli Stati dell’Eurozona, per evitare una rovinosa concorrenza al ribasso attraverso la quale ci sottraiamo l’un l’altro base fiscale e poi ci rimproveriamo di non rispettare i vincoli di bilancio pubblico. Eravamo (siamo ancora?) un Paese che, ancora a livello europeo, sta cercando strategie per tassare i nuovi giganti dell’economia digitale che creano ricchezza distribuendola tra molte meno persone e quindi mettendo a rischio il dinamismo delle economie nazionali che dipende dai consumi di massa e non di piccole élite.

Siamo diventati, però anche il Paese con la flat tax, una tassa forfettaria di 100mila euro sui redditi maturati all’estero per tutti i ricchi, oggi residenti in altri Paesi, che volessero spostare la propria residenza in Italia. Da oggi siamo dunque in concorrenza con una platea agguerrita di paradisi fiscali dove non si pagano o quasi imposte sui redditi tra cui le Bahamas, le Isole Vergini, il sultanato di Brunei, le isole Cayman (potevano mancare?), il principato di Monaco (dove, come parte lesa, abbiamo pizzicato in passato la falsa residenza di alcuni dei nostri vip), le isole Turks e Caicos e l’isola di Vanuatu. E, molto più vicino a noi, la stessa Malta dove basta comperare un piccolo appartamento per ottenere la residenza e pagare un’imposta sul reddito risibile. La nobile motivazione del provvedimento è quella dichiarata di «favorire gli investimenti, i consumi ed il radicamento di nuclei familiari e individui ad alto potenziale (sic!) in Italia». «Favorire gli investimenti in Italia»: non si capisce in realtà come, se la misura di favore si applica ai redditi che i Paperoni che scelgono di cambiare residenza maturano all’estero (non in Italia!). E se gli investimenti nel nostro Paese (che giustamente cerchiamo di promuovere con incentivi come il super-ammortamento) dipendono purtroppo da tutta una serie di altri fattori (infrastrutture, burocrazia, funzionamento della giustizia) che nulla hanno a che vedere con la flat tax. In realtà la traduzione brutale del provvedimento è la seguente.

Abbiamo subito per anni la concorrenza di paradisi fiscali o pseudo tali che hanno sottratto base fiscale al reddito prodotto nel nostro Paese (risorse per scuole, ospedali) adesso rendiamo pan per focaccia facendo lo stesso. Sperando, affinché l’iniziativa abbia successo, che i nostri “competitori” siano meno furbi di noi, se ne stiamo a braccia conserte facendosi sottrarre i Paperoni e non si alimenti ulteriormente questa corsa al ribasso che distrugge risorse per i cittadini dei Paesi coinvolti. Il vitello d’oro (il ricco straniero ovvero l’«individuo ad alto potenziale» usando l’affascinante linguaggio del provvedimento) sarà anche gallina dalle uova d’oro? C’è da dubitare fortemente che una quota significativa dei super ricchi del pianeta (almeno 10mila se vogliamo portare a casa un miliardo di euro) ritenga l’Italia il Paese migliore in cui stabilirsi vista l’agguerrita concorrenza e vista la velocità con la quale nel nostro Paese si cambia idea su tutto. E, nel caso decidesse di farlo, c’è da dubitare ancor più che veramente spenderà nel nostro Paese gran parte del suo tempo e del suo “talento” produttivo.

Finito il ragionamento strategico possiamo accennare, senza troppi moralismi, al significato di quanto l’Italia ha deciso di fare. Ricordiamo non molto tempo fa l’appello accorato di Warren Buffet che lamentava di pagare meno imposte della propria segretaria. La flat tax italiana è un’ulteriore mossa in tale direzione che crea un Paese a due classi in un’economia che toglie ai poveri per dare ai ricchi. La prima classe è quella delle fortunate élite «ad alto potenziale» (qualche volta composte da redditieri senza nessun talento o ancora da manager che distruggono società e lavoro uscendone con liquidazioni miliardarie) che pagano un’inezia su redditi che producono altrove. La seconda classe è quella di tutti gli altri, che in Italia lavorano, sudano e pagano imposte sul lavoro che superano in alcuni casi il 55%. Siamo convinti che molti italiani non saranno turbati dal cattivo esempio e continueranno a lavorare e a contribuire orgogliosamente con le loro imposte al bene del Paese, temendo magari che una parte di esse possano essere sprecate, ma essendo anche consapevoli che il grosso servirà ad assicurare beni pubblici essenziali come salute, istruzione e sicurezza. E continueranno a essere orgogliosi e felici di farlo piuttosto che farsi sopraffare dall’invidia per i parvenu «ad alto potenziale» e cercare anche loro Paesi dove andare a mettere residenze e a spendere le loro pensioni.