CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

“Alternanza scuola-lavoro” e disabilità: attività formative

18.11.2014 19:01

L'articolo 16, comma 1, del decreto-legge 104 del 12.9.2013 aveva autorizzato la spesa, per l'anno 2014, della somma di 10 milioni di euro per lo svolgimento di attività di formazione e aggiornamento obbligatori del personale scolastico in riferimento a specifiche finalità.

Tale somma tuttavia, a seguito delle disposizioni contenute nell'articolo 50 del decreto-legge 66 del 24.4.2014 (disposizioni che hanno imposto a tutti i ministeri ampie riduzioni delle disponibilità di competenza e di cassa relative alle spese per beni e servizi), è stata drasticamente ridimensionata: le risorse iscritte nello stato di previsione del MIUR, infatti, sono state ridotte, rispetto all'autorizzazione di spesa disposta dal decreto-legge 104/2013, di oltre 6 milioni di euro, con un residuo disponibile di € 3.745.474. Questa nuova disponibilità è stata suddivisa, con riferimento alle finalità indicate dal decreto-legge 104, dal decreto ministeriale prot. 762 del 2.10.2014 (come da specifica tabella); più recenti e relativi decreti dirigenziali stanno dettando le modalità di organizzazione e gestione delle attività formative così individuate.

Con il DDG prot. 832 del 4.11.2014 sono state dettate le istruzioni per la definizione delle specifiche dei progetti formativi per accrescere le competenze dei docenti dei licei e degli istituti tecnici e degli istituti professionali in merito alla fase di pianificazione e programmazione dei percorsi di “alternanza scuola-lavoro”. Per l'organizzazione e gestione dei progetti formativi saranno privilegiate le istituzioni scolastiche associate in rete e/o per filiere formative e/o filiere produttive. Le attività formative saranno realizzate attraversi convenzioni con le università statali e non statali e con associazioni professionali di docenti accreditate dal MIUR e che possiedono specifica competenza negli ambiti tematici da individuare. Dette attività potranno essere sviluppate anche presso enti pubblici e imprese, al fine di promuovere lo sviluppo professionale specifico dei docenti coinvolti.

Le iniziative formative di cui al DDG 832 si concluderanno con una prova di accertamento delle competenze acquisite dai docenti in relazione al raggiungimento degli obiettivi dei progetti formativi.

Con il DDG prot. 760 del 20.10.2014 sono state disciplinate le attività di formazione finalizzate all'aumento delle competenze per potenziare i processi di integrazione a favore degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali (BES). Gli Uffici scolastici regionali individueranno, sulla base dei criteri indicati dall'art. 4 del DDG, i progetti e i soggetti cui affidare la realizzazione delle attività formative. Le attività di formazione e aggiornamento sono volte a fornire le competenze necessarie alla presa in carico del progetto di inclusione nelle singole classi e nell'intera comunità scolastica.