CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Una proposta di legge dall’Osservatorio sull’integrazione scolastica

25.07.2012 09:59
Categoria: Sguardi Diversi

Previsto l’obbligo di formazione iniziale dei futuri insegnanti sulle problematiche dell’integrazione scolastica e formazione obbligatoria in servizio

Tre sono essenzialmente i princìpi cardine della proposta di legge su cui si è discusso il 23 luglio nel corso della riunione dell'Osservatorio sull'integrazione scolastica: presa in carico del progetto d'integrazione da parte di tutti i docenti del consiglio di classe, per evitare la delega al solo insegnante di sostegno, obbligo di formazione iniziale per tutti i docenti futuri sulle problematiche dell'integrazione scolastica, formazione obbligatoria in servizio permanente.
Il Ministro Profumo ha dichiarato di dare al testo della bozza, assumendosi l’onere di presentarlo come disegno di legge governativo.
Nella proposta di legge si prevede la partecipazione di tutto il consiglio di classe al progetto d’integrazione da realizzarsi attraverso la preparazione adeguata degli insegnanti alle problematiche dell’integrazione, anche attraverso l’inserimento nella formazione iniziale dei futuri docenti di materie che riguardino l’integrazione. Oltre alla formazione iniziale, è prevista la formazione obbligatoria in servizio permanente, sia all'inizio dell'anno sia in corso d'anno, durante l'orario di servizio, per approfondire le specifiche disabilità presenti in classe. Inoltre, al fine di assicurare una maggiore continuità nel sostegno, si chiede la costituzione di una classe di concorso dedicata, che i docenti di ruolo attualmente sul sostegno restino per 10 anni e non per 5 e che i precari, ora assegnati annualmente, abbiano la nomina per almeno un ciclo scolastico.