CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Lavori gravosi, presentazione domanda di cessazione dal servizio

09.01.2019 11:47

L'INPS, con il messaggio 4804 dello scorso 21 dicembre, ha reso note le procedure per la presentazione della domanda di accesso alla pensione da parte delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti che abbiano svolto per almeno sette anni - nei dieci precedenti il pensionamento - le professioni di cui all’Allegato B della legge 215/2017 (cosiddetti "lavori gravosi"), tra cui sono ricompresi il personale insegnante della scuola dell’infanzia e il personale educativo degli asili nido.
La domanda deve essere presentata esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali:

  • WEB, se in possesso di un PIN INPS, di una identità SPID o di una Carta Nazionale dei Servizi (CNS) per l’accesso ai servizi telematizzati dell’Istituto
  • Contact Center multicanale, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803164 o da telefono cellulare il numero 06164164, a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico, se in possesso di PIN
  • Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di PIN

Insieme alla domanda deve essere prodotta una dichiarazione del datore di lavoro, redatta sull’apposito modello AP116 (vedi allegato) reperibile sul sito istituzionale dell'INPS al seguente percorso:
“Prestazioni e servizi” > “Tutti i moduli” > “Assicurato/pensionato”.
Nella dichiarazione il datore di lavoro deve attestare le seguenti circostanze:

  • i periodi di svolgimento delle professioni considerate attività gravose di cui all’allegato A) del decreto 5 febbraio 2018 del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, emanato di concerto con il Ministero dell’Economia e delle finanze;
  • il contratto di lavoro applicato;
  • il livello di inquadramento attribuito;
  • le mansioni svolte con i relativi codici professionali attribuiti, ove previsti, come individuati dall’allegato A) del citato decreto 5 febbraio 2018.

Per quanto riguarda la domanda di cessazione il Miur fornirà a breve indicazioni con i termini e le modalità di presentazione.