CISL - FEDERAZIONE SCUOLA UNIVERSITÀ RICERCA
Stampa

Per la CISL su Aquarius né vincitori né vinti, ha perso la Ue. Dichiarazioni di Annamaria Furlan

13.06.2018 09:16

Nella vicenda della nave Aquarius che sarà accolta nelle prossime ore con ”un gesto di solidarietà e di grande buon senso” dalla Spagna nel porto di Valencia, ”non ci sono nè vincitori nè vinti. Ha perso tutta l'Europa". Ad affermarlo è la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan. "Come ha detto il cardinale Ravasi - osserva la leader del sindacato intervenendo al Consiglio generale della Cisl vicentina - accogliere donne, bambini, anziani che scappano dalle guerre, dalle persecuzioni e dalla fame è un dovere universale oltre che una questione di diritto umanitario".
Per Furlan, comunque, questa vicenda rappresenta ”una sconfitta della politica e dell'Unione europea”. ”Per contrastare l'immigrazione irregolare senza mettere a rischio la vita di centinaia di persone disperate che riescono a partire dalla coste africane - spiega - non serve chiudere i nostri porti, ma bisognerebbe cambiare i trattati europei e governare sul campo i flussi migratori, combattendo i trafficanti di uomini attraverso una politica di cooperazione internazionale".
"È corretto - aggiunge - che il Governo italiano faccia sentire la propria voce a Bruxelles chiedendo agli altri paesi di farsi carico anche loro del dossier migranti. Ma - sottolinea la segretaria generale Cisl - è sbagliata una strategia isolazionista dell'Italia, così come è sbagliata la linea di altri paesi come l'Ungheria e la Polonia che hanno chiuso le loro frontiere, rifiutando ogni ricollocazione dei migranti. Sul tema dei migranti e del diritto all'accoglienza oggi è in gioco la stessa costruzione e sopravvivenza di un'Europa unita e solidale”. E il nostro paese, che dell'Europa è tra i fondatori, conclude Furlan, ”dovrebbe difendere quei valori culturali ed etici che sono stati alla base del progetto di costruzione dell'Europa economica ed in prospettiva anche politica”.

(da Conquiste del Lavoro del 13 giugno 2018- articolo di Francesco Gagliardi)