Stampa

Educare ad un uso corretto delle tecnologie: compito della scuola, ma non solo

13.09.2017 18:51

"Educare ad un uso corretto, intelligente e consapevole degli strumenti di comunicazione è un obiettivo che rientra naturalmente nei compiti della scuola, che tuttavia non può farvi fronte da sola: devono sentirlo come proprio impegno e compito anche la società e la famiglia". Così la segretaria generale della Cisl Scuola, Maddalena Gissi, commenta l'iniziativa di introdurre lo smartphone in classe, riconfermata ieri dalla ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli.

"Telefoni cellulari e smartphone sono ormai un'appendice inseparabile per tutti noi, non solo per ragazze e ragazzi", osserva Gissi. "Aprono orizzonti sterminati di informazione, moltiplicano le occasioni di comunicazione, in entrata e in uscita: tutto ciò rende ancor più indispensabile un approccio responsabile e critico, perché la tecnologia sia 'dominata' e non 'dominante'. Un problema educativo al quale la scuola non può ovviamente sottrarsi ma nel quale, lo ripeto, non può essere lasciata sola".

"Altro discorso" - conclude la numero uno della Cisl Scuola - "è quello di una regolamentazione, in ambito scolastico, nell'utilizzo di strumenti che non possono trasformarsi in fattore di turbativa di un ordinato svolgimento delle attività didattiche: al riguardo le scuole hanno senz'altro la capacità di dotarsi delle necessarie regole, usando semplici criteri di intelligenza e buon senso".

(AGI) - Roma, 13 settembre 2017