Stampa

Donne al centro dell'attenzione nei lavori di oggi del XVIII congresso della Cisl

30.06.2017 17:40

La donna al centro dei lavori di oggi al XVIII congresso confederale della Cisl, dove in mattinata è stata presentata la 'Piattaforma Cisl sulla prevenzione della violenza sulle donne e sui minori'. Protagonisti di questa importante sessione di lavoro, introdotta dalla responsabile nazionale coordinamento donne Liliana Ocmin, sono stati don Aldo Buonaiuto, della Comunità Papa Giovanni XXIII, e soprattutto tre donne che hanno portato la propria personale testimonianza di maltrattamenti e violenze gravissime: Gloria, nigeriana, attualmente sotto la protezione della Polizia di Stato, Stefania, rumena arrivata in Italia a 18 anni e costretta a prostituirsi, Lucia Annibaldi, aggredita con l'acido nel 2013. Quest’ultima è attualmente consigliera giuridica del dipartimento Pari Opportunità operante presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
"Voglio ringraziare le tre donne meravigliose che ci hanno fatto l'onore di stare con noi raccontando la loro storia ma soprattutto la loro speranza", ha detto la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a conclusione degli interventi, tra i quali quello dell’on. Maria Elena Boschi. "Quando ho conosciuto don Aldo – ha detto la Furlan – mi chiedevo come la Cisl potesse contribuire a dare una mano al lavoro straordinario che sta facendo la sua comunità. Il congresso ce ne ha dato l’occasione”.
Abbiamo voglia di togliere queste donne dall'inferno”, ha proseguito la leader della Cisl, invitando a sostenere con forza un’iniziativa legislativa che raccoglie consensi trasversali, volta a contrastare la piaga della prostituzione anche prevedendo sanzioni per chi se ne fa “utente”. A sostegno di questa proposta è avviata una raccolta di firme e Annamaria Furlan ha voluto sottoscriverla alla fine del suo intervento. Ma soprattutto ha annunciato la messa in campo di azioni concrete che vedranno le strutture della Cisl prendersi carico di persone da sostenere nel loro percorso di riscatto e di conquista della propria libertà attraverso un’attività formativa che ne faciliti l’avvio al lavoro. Un ampio resoconto della giornata anche sul sito della Cisl.

Altro momento importante, sempre nel segno della valorizzazione della presenza femminile nel lavoro e nella società, è stata la premiazione delle vincitrici delle borse di studio alla memoria di Carla Passalacqua, che hanno presentato al congresso le loro ricerche: Carola Malatacca su "L'importanza della parola nel cammino verso la parità di genere", e Maria Rosaria Foreste su "La parità quale condizione dell'essere e non dell'apparire: strumenti e tutele a favore delle donne nel mercato del lavoro e nell'economia".